Patto Educativo di Corresponsabilità

LICEO LINGUISTICO PARITARIO

“Giovanni Paolo II”

Via Gregorio VII n°3 – 89013 Gioia Tauro (RC)

Tel. e Fax 0966-50084

 

Preso atto che:

 

  • La formazione e l’educazione sono processi complessi e continui che richiedono la cooperazione tra studente, famiglia e l’intera comunità scolastica;
  • La scuola non è soltanto il luogo in cui si realizza l’apprendimento, ma una comunità organizzata dotata di risorse umane, materiali e immateriali, che necessitano di interventi complessi di gestione, ottimizzazione, conservazione, partecipazione e rispetto dei regolamenti;
  • Il rapporto studente -scuola- famiglia costituisce il fondamento che sostiene l’impegno formativo e il contesto entro il quale si realizza la promozione allo sviluppo della personalità;
  • La Carta dei Servizi, il Regolamento d’istituto, il Piano dell’Offerta Formativa (POF) e il Piano Didattico Formativo, annualmente predisposto dai singoli consigli di classe, fanno riferimento esplicito ai diritti e ai doveri dei genitori, degli studenti e del personale scolastico,
  • L’interiorizzazione delle regole può avvenire solo con una fattiva collaborazione tra i diversi attori;
  • La scuola persegue l’obiettivo di costruire un’alleanza educativa con i genitori mediante relazioni costanti nel rispetto dei reciproci ruoli.

 

Pertanto:

Visto il D.M. n. 5843/a3 del 16 ottobre 2006 “Linee di indirizzo sulla Cittadinanza democratica e legalità”.

Visti i D.P.R. n 249 del 24/6/1998 e DPR n. 235 del 21/11/2007 “Regolamento recante lo Stato delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria”.

Visto il D.M. n. 16 del 5 febbraio 2007 “Linee di indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione del bullismo”.

Visto il D.M. n. 30 del 15 marzo 2007 “Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e di altri dispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, dovere di vigilanza e di corresponsabilità dei genitori e dei docenti”.

 

Si stipula con i genitori, gli alunni, i docenti, il Dirigente Scolastico, il personale non docente, il seguente:

 

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

                                                           con il quale:

 

LA SCUOLA SI IMPEGNA A:

  • Fornire una formazione culturale e professionale qualificata, aperta alla pluralità delle idee, nel rispetto dell’identità di ciascuno studente;
  • Offrire un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona, garantendo un servizio didattico di qualità in un ambiente educativo sereno, favorendo il processo di formazione di ciascuno studente, nel rispetto dei suoi ritmi e tempi di apprendimento;
  • Offrire iniziativa concrete per il recupero di situazioni di ritardo e di svantaggio, al fine di favorire il successo formativo e combattere la dispersione scolastica oltre a promuovere il merito e incentivare le situazioni di eccellenza;
  • Favorire la piena integrazione degli studenti stranieri, tutelandone la lingua e la cultura, anche attraverso la realizzazione di iniziativa interculturali, stimolare riflessioni e attivare percorsi volti al benessere e alla tutela della salute degli studenti;
  • Garantire la massima trasparenza nelle valutazioni e nelle comunicazioni mantenendo un costante rapporto con le famiglie nel rispetto della privacy.

 

In particolare:

I DOCENTI SI IMPEGNANO A:

  • Rispettare tutti i soggetti della comunità scolastica nei loro diritti individuali e nella loro dignità di persona;
  • Essere puntuali alle lezioni, precisi nelle consegne di programmazioni, verbali e negli adempimenti previsti della scuola;
  • Non usare mai in classe il cellulare;
  • Essere attenti alla sorveglianza degli studenti in classe e a non abbandonare mai la classe senza averne dato avviso al Dirigente Scolastico o a un suo Collaboratore;
  • Informare studenti e genitori del proprio intervento educativo e del livello di apprendimento degli studenti;
  • Informare gli alunni degli obiettivi educativi, dei tempi e delle modalità di attuazione;
  • Programmare delle verifiche solo al termine di un adeguato percorso didattico e in tempi sufficientemente ampi;
  • Esplicitare i criteri per la valutazione delle verifiche orali e scritte;
  • Comunicare a studenti e genitori con chiarezza i risultati delle verifiche orali e scritte;
  • Effettuare almeno il numero minimo di verifiche a quadrimestre: non meno di tre se la materia è orale e non  meno di sei se la materia è orale e scritta;
  • Correggere e consegnare i compiti entro i 15 giorni e, comunque, prima della prova successiva;
  • Realizzare un clima scolastico positivo fondato sul dialogo e sul rispetto;
  • Favorire la capacità di iniziativa, di decisione e di assunzione di responsabilità;
  • Lavorare in modo collegiale con i colleghi della stessa disciplina, con i colleghi dei consigli di classe e con l’intero corpo docente della scuola nelle riunioni del Collegio dei docenti;
  • Incoraggiare gli studenti; ACCOGLIERE, APPREZZARE e VALORIZZARE le individualità e le differenze; valorizzare le eccellenze; promuovere il recupero e il sostegno individualizzato.

 

GLI STUDENTI SI IMPEGNANO A:

  • Rispettare tutti i soggetti della comunità scolastica nei loro diritti individuali e nelle loro dignità di persona;
  • Prendere coscienza dei propri diritti – doveri;
  • Rispettare i tempi programmati e concordati con i docenti per il raggiungimento degli obiettivi proposti;
  • Impegnandosi in modo responsabile nell’esecuzione dei compiti richiesti;
  • Accettare, rispettare e aiutare gli altri e i diversi da sé, impegnandosi a comprendere le ragioni dei loro comportamenti;
  • Essere puntuali alle lezioni e frequentarle con regolarità;
  • Limitare al minimo indispensabile le uscite o le entrate fuori orario;
  • Non usare mai in classe il cellulare;
  • Lasciare l’aula solo se autorizzati dal docente;
  • Chiedere di uscire dall’aula solo in caso di necessità ed uno per volta;
  • Intervenire durante le lezioni in modo ordinato e pertinente;
  • Conoscere l’Offerta Formativa presentata dagli insegnanti;
  •  Rispettare le diversità personali e culturali, la sensibilità altrui;
  • Conoscere e rispettare il Regolamento di Istituto;
  • Condividere la responsabilità di rendere accogliente l’ambiente scolastico ed averne cura come importante fattore di qualità della vita della suola;
  • Partecipare al lavoro scolastico individuale e/o di gruppo;
  • Svolgere regolarmente il lavoro assegnato a scuola e a casa;
  • Favorire la comunicazione scuola/famiglia trasmettendo tempestivamente tutte le informazioni;
  • Sottoporsi regolarmente alle verifiche previste dai docenti;
  • Seguire le indicazioni degli insegnati per migliorare il loro metodi di studio;
  • Adottare un abbigliamento decoroso e consono all’ambiente scolastico;
  • Rispettare gli spazi, gli arredi, i laboratori della Scuola, astenendosi da ogni forma di danneggiamento, collaborando all’ordine e al decoro e prestandosi a risanare eventuali danni prodotti.

 

I GENITORI SI IMPEGNANO A:

  • Rispettare tutti i soggetti della comunità scolastica nei loro diritti individuali e nella loro dignità di persona;
  • Conoscere l’Offerta Formativa della scuola e collaborare alla sua realizzazione;
  • Discutere, presentare e condividere con i propri figli il patto educativo sottoscritto con l’Istruzione Scolastica.
  • Collaborare al progetto formativo partecipando, con proposte e osservazioni migliorative, a riunioni, assemblee, consigli e colloqui;
  • Avere periodicamente colloqui con gli insegnanti negli orari previsti e dare informazioni utili a migliorare la conoscenza degli studenti da parte della scuola;
  • Tenersi costantemente informati sul percorso educativo dell’alunno e sulla valutazione espressa dai docenti;
  • Collaborare con gli insegnanti per l’attuazione di eventuali strategie di recupero ed approfondimento;
  • Considerare la regolare frequenza scolastica dell’alunno una priorità e un dovere, giustificare tempestivamente assenze e ritardi e controllare costantemente il libretto, contattando la scuola per eventuali accertamenti;
  • Controllare che l’abbigliamento del proprio figlio sia decoroso e consono all’ambiente scolastico;
  • Limitare al minimo indispensabile le uscite o le entrate fuori orario del proprio figlio;
  • Rivolgersi ai docenti e al Dirigente Scolastico in presenza di problemi didattici o personali;
  • Assumersi la responsabilità del risarcimento per sani volontariamente e dolosamente causati dal figlio durante le attività didattiche, verso cose o persone;

 

IL PERSONALE NON DOCENTE SI IMPEGNA A:

  • Rispettare tutti i soggetti della comunità scolastica nei loro diritti individuali e nella loro dignità di persona;
  • Essere puntuale e a svolgere con precisione il lavoro assegnato, nel rispetto dei tempi stabiliti;
  • Conoscere l’Offerta Formativa della scuola e a collaborare a realizzarla, per qunto di sua competenza;
  • Garantire il necessario supporto alle attività didattiche,con puntualità e diligenza;
  • Segnalare ai docenti e al Dirigente Scolastico eventuali problemi rilevati;
  • Favorire un clima di collaborazione e rispetto tra tutte le componenti presenti nella scuola (studenti, genitori, docenti);
  • Svolgere le proprie mansioni con disponibilità, cortesia, professionalità soprattutto quelle che implichino rapporto con il pubblico, interno ed esterno all’Istruzione Scolastica;

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO SI IMPEGNA A:

  • Rispettare tutti i soggetti della comunità scolastica nei loro diritti individuali e nella loro dignità di persona;
  • Garantire e favorire l’attuazione dell’Offerta Formativa, ponendo studenti, genitori, docenti e personale non docente nella condivisione di esprimere al meglio il loro ruolo;
  • Garantire ad ogni componente scolastica la possibilità di esprimere e valorizzare le proprie potenzialità;
  • Cogliere le esigenze formative degli studenti e della comunità in cui la scuola opera, per ricercare risposte adeguate;
  • Salvaguardare i diritti di tutti ed esigere da tutti il rispetto dei doveri;
  • Favorire il rispetto delle differenze, rimuovere gli ostacoli nell’accoglienza;
  • Favorire lo sviluppo dell’Istituto e la sua affermazione nel territorio come organismo attivo di vita educativa, civile e culturale.

 

Close