ProgettoScuola dell' Infanzia.

Prendersi Cura di Sé

Il bambino della scuola dell’infanzia dipende in gran parte dall’adulto, ma cerca una progressiva autonomia con comportamenti liberamente scelti. Per raggiungere l’autonomia è un presupposto indispensabile: la conoscenza del proprio corpo; la consapevolezza di sé come individuo distinto dagli altri ma, nello stesso tempo, in relazione con essi.
Come sempre le “indicazioni Nazionali” ci indicano la via da seguire dicendoci che “l’insieme delle esperienze motorie e corporee, correttamente, vissute costituisce un significato contributo per lo sviluppo dell’immagine positiva di sé”.
Dunque il “sentirsi abitatore e padrone del proprio corpo è la prima indispensabile tappa del processo del diventare persona”.
L’obiettivo a lungo termine che si propone la scuola dell’Infanzia in stretta collaborazione con la famiglia: è di portare i bambini ad essere autonomi e competenti attraverso attività, soprattutto ludiche, per favorire lo sviluppo di abilità specifiche.
Un obiettivo fondamentale è quello di acquisire l’ autonomia nella gestione della propria persona: a questo scopo un aiuto specifico ci è dato dalla routine; in ogni momento della giornata scolastica si può ricordare ai bambini l’ importanza dell’igiene personale; vista non solo come rispetto per il proprio corpo, ma anche rispetto dell’ambiente che ci circonda con particolare importanza del rispetto verso il bene comune: “acqua elemento fondamentare di vita”.
Questo progetto è rivolto ai bambini della prima sezione (Sezione Pinocchio anni 3). Dal nostro punto di vista è un’attività educativa ritualizzata, progettata in modo da soddisfare tutte le esigenze di ciascun bambino.
Dal punto di vista operativo:

1. I bambini partecipano attivamente alla routine e alle pratiche igieniche correlate; le insegnanti attuano verbalizzazioni individuali rivolte ad incentivare e riconoscere l’autonomia del bambino (ad es. sequenze di azioni per lavarsi le mani). Le azioni principali della routine d’igiene sono svestirsi, sedersi correttamente, lavarsi le mani e i denti, asciugarsi;

2. Rivolte al gruppo dei pari (canzoni, filastrocche, storie);

3. Introdurre anche l’argomento dei pericoli che ci possono essere in bagno o il rischio di utilizzare dispositivi elettrici in bagno senza un adulto; o ancora e non meno importante di non sprecare l’acqua, bene prezioso da custodire per noi e per il nostro pianeta per rendere i bambini cittadini attivi e responsabili;

4. Possibilità di situazione di grande gruppo: più bambini che compiono le medesime azioni, permette di mettere in campo l’apprendimento per imitazione;

5. Socializzazione: la strutturazione della routine in grande gruppo consente ai bambini d’interagire, parlare, scherzare e confrontarsi.
Queste espressioni di socialità sono rinforzate dagli insegnanti e mai viste come incongruenti rispetto ai comportamenti da tenere in bagno; per questo motivo al termine del pranzo i bambini porteranno spazzolini e dentifricio e insegneremo loro come lavare correttamente i denti sotto la nostra supervisione.
Per quanto riguarda l’autonomia del vestiario è necessario che le famiglie comprendano l’importanza di un abbigliamento comodo ed utilizzabile dagli stessi bambini senza difficoltà, infatti, sono sconsigliabili capi con cerniere, bottoni, lacci ed altri accessori che limitano l’autonomia dei bambini (come body per i bambini che non hanno il pannolino).

Si osservi che per i bambini di quest’età lo spogliarsi per andare in bagno è un operazione semplice, non lo è altrettanto il rivestirsi dato che quest’azione richiede l’integrazione di più abilità: motricità fine, coordinamento oculo-manuale, equilibrio. In modo da favorire la scoperta di sé; degli altri; e del mondo circostante, sperimentare potenziare, rafforzare affinità, educare arricchire l’offerta formativa.

OBIETTIVO EDUCATIVO: Sensibilizzazione all’igiene personale quale strumento per l’educazione alla salute.

DURATA DEL PROGETTO: due settimane.

ATTIVITA’ EDUCATIVE: verbalizzazione (filastrocche, canzoni, video, poesie) conversazioni guidate, formazione di laboratori grafico-pittorici, manipolativi, dimostrazione pratica nel lavare correttamente i denti.

TRAGUARDI: il bambini a raggiungerà una buona autonomia personale, riconoscerà i segnali del corpo, riconoscerà cosa farà bene e che cosa farà male, conoscerà il proprio corpo e le differenze di genere e di sviluppo.
Svilupperà pratiche corrette per la cura di sé, di igiene e di sana alimentazione. Didattica attiva: PEER TUTORIN; BRAINSTRORMING; COOPERATIVE LEARNING; CIRCLE TIME.



Show More

Related Articles

Check Also

Close
Close