ProgettoScuola dell' Infanzia.Social ...Tema

Pronti a Volare?

“Anche Cipì e Passerì conobbero la felicità ed ebbero tanti figli ai quali insegnarono le cose imparate nella vita: ad essere laboriosi per mantenersi onesti, ad essere buoni per poter essere amati, ad aprire bene gli occhi per distinguere il vero dal falso, ad essere coraggiosi per difendere la libertà”. Mario Lodi.
Il Progetto scelto per quest’anno rappresenta una stupenda avventura nel mondo della natura che ci circonda.
Il personaggio fantastico “Cipì” è lo sfondo integratore legato all’esperienza quotidiana del bambino.
Un passerotto curioso e coraggioso che si lancia alla scoperta del mondo. Questo permetterà al bambino di vivere esperienze concrete motivanti e dare significato all’ambiente che lo circonda.
Cipì, la sua mamma il suo papà. Passerì e i suoi amici aiuteranno il bambino ad aprire nuovi orizzonti.
Un libro sulla vita che aiuta nella crescita; avventure belle e brutte, momenti felici e momenti tristi.
Questo viaggio porterà il bambino all’esplorazione dell’ambiente naturale circostante con le sue variazioni stagionali e la sua ciclicità, e progressivamente alla conoscenza, alla riflessione e all’approccio dei quattro elementi che compongono il nostro mondo quali aria “l primo volo di Cipì” acqua “il nastro d’argento” terra “le braccia verdi dove si riposerà Cipì” il fuoco “la palla di fuoco che brucia in estate e diventa pallida in autunno”.
La scelta del libro di “Cipì” non è casuale permetterà ai piccoli ascoltatori di riflettere su molti temi: quali il rapporto dell’uomo con il mondo degli animali e con la natura, il ciclo delle stagioni, la famiglia, l’amicizia, la solidarietà, la lotta per la sopravvivenza, la vita.
Come Cipì di volo in volo andrà alla scoperta del suo (e del nostro) mondo, così il bambino approfondirà la conoscenza del suo ambiente più prossimo, ovvero l’ambiente naturale, cominciando a scoprire e a conoscere anche i luoghi e popoli diversi con la consapevolezza “di appartenere alla sua famiglia, alla sua comunità, alla sua scuola”.
Il piacere della scoperta può accompagnare la conoscenza del mondo e delle persone che ci circondano con le loro peculiarità. Questo permette al bambino di avvicinarsi conoscere e valorizzare la proprie e l’altrui cultura educando e sviluppando una mentalità e l’altrui cultura educando e sviluppando una mentalità critica e aperta ai sentimenti che permetterà al bambino di una fascia di età così delicata come quella dei tre anni, che si approccia alla scuola dell’infanzia di integrarsi e gestire le proprie emozioni nel mondo più naturale e divertente possibile.

OBIETTIVI:

  • Stimolare l’osservazione della natura e dei quatto elementi quali aria, acqua, terra, fuco;
  • la sperimentazione attraverso un approccio multisensoriale;
  • Stimolare la capacità di ascolto, riflettere e fare domande;
  • Sviluppare la capacità di rappresentare e confrontare;
  • Favorire lo sviluppo dell’identità dell’autonomia e cittadinanza in un contesto di collaborazione comportamenti condivisi;
  • Scoprire la bellezza della natura;
  • Riuscire ad affrontare qualsiasi problema accettandolo con coraggio e riflessione, trovando sempre soluzione ai tanti problemi.

DOCUMENTAZIONE:

  • Libro di “Cipì” di Mario lodi (ricordando che il libro è uno strumento di gioco, divertimento e conoscenza è sede di linguaggi cognitivi ed emotivi; il racconto arricchisce il vocabolario e la creatività in un intreccio armonico fra il conoscere, il capire e il fare);
  • Elaborati grafico – pittorico, manipolativo;
  • Documentazione fotografica.

METODOLOGIA:

Avendo a cuore la centralità del bambino, il punto di partenza è l’esperienza diretta del bimbo il fare per scoprire.
Progressivamente si introducono la conversazione all’interno di un circle time, la sperimentazione, la rappresentazione grafico – pittorica, la manipolazione e la drammatizzazione.
Il percorso si articolerà lungo tutto l’anno scolastico, coinvolgerà la prima sezione con i bambini di tre anni.

 

 

Show More

Related Articles

Check Also

Close
Close