Avvisi

Prove Invalsi

Ieri 06/05/2016 si sono conclusi i Test INVALSI che hanno visto protagonisti i nostri piccoli ragazzi delle classi II e V, hanno affrontato la prova di Italiano e quella di Matematica, adesso stiamo provvedendo a trasmette il tutto online al Sistema Nazionale delle Valutazioni (SNV).invalsi_4

Di seguito troverete una brevissima spiegazione di cosa siano realmente le Prove Invalsi.

Naturalmente siamo fieri e contenti di come i nostri ragazzi si si siano preparati e abbiano affrontato questi loro primi test. 

L’INVALSI:

Compiti, attività, istituzione, sede. Le direttive e loro evoluzione, le prove.
1 L’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione, INVALSI, gestisce il Sistema Nazionale di Valutazione e si vede assegnati dal Decreto legislativo n. 213 del 31 dicembre 2009 i seguenti compiti:

  1. a) lo studio e la predisposizione di strumenti e modalità oggettive di valutazione degli apprendimenti e la cura dell’elaborazione e della diffusione dei risultati della valutazione, anche nel contesto dell’apprendimento permanente;
    b) la promozione di periodiche rilevazioni nazionali sugli apprendimenti che interessano le istituzioni scolastiche e istruzione e formazione professionale, il supporto e l’assistenza tecnica alle istituzioni scolastiche e formative anche attraverso la messa a disposizione di prove oggettive per la valutazione degli apprendimenti finalizzate anche alla realizzazione di autonome iniziative di valutazione e autovalutazione;
    c) lo studio di modelli e metodologie per la valutazione delle istituzioni scolastiche e di istruzione e formazione professionale e dei fattori che influenzano gli apprendimenti; 
    d) la predisposizione di prove a carattere nazionale per gli esami di Stato, nell’ambito della normativa vigente; 
    e) lo svolgimento di attività di ricerca e la collaborazione alle attività di valutazione del sistema scolastico al fine di realizzare iniziative di valorizzazione del merito anche in collaborazione con il sistema universitario; 
    f) lo svolgimento di attività di ricerca, nell’ambito delle proprie finalità istituzionali, sia su propria iniziativa che su mandato di enti pubblici e privati, assicurando inoltre la partecipazione italiana a progetti internazionali in campo valutativo; 
    g) lo svolgimento di attività di supporto e assistenza tecnica alle regioni e agli enti territoriali per la realizzazione di autonome iniziative di monitoraggio, valutazione e autovalutazione; 
    h) lo svolgimento di attività di formazione del personale docente e dirigente della scuola sui temi della valutazione in collaborazione con l’ANSAS.

Pertanto

  • effettua verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze e abilità degli studenti e sulla qualità complessiva dell’offerta formativa delle istituzioni di istruzione e di istruzione e formazione professionale, anche nel contesto dell’apprendimento permanente;
  • studia le cause dell’insuccesso e della dispersione scolastica con riferimento al contesto sociale ed alle tipologie dell’offerta formativa;
  • effettua le rilevazioni necessarie per la valutazione del valore aggiunto realizzato dalle scuole;
  • predispone annualmente i testi della nuova prova scritta, a carattere nazionale, volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti nell’esame di Stato al terzo anno della scuola secondaria di primo grado;
  • predispone modelli da mettere a disposizione delle autonomie scolastiche ai fini dell’elaborazione della terza prova a conclusione dei percorsi dell’istruzione secondaria superiore;
  • provvede alla valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti a conclusione dei percorsi dell’istruzione secondaria superiore, utilizzando le prove scritte degli esami di Stato secondo criteri e modalità coerenti con quelli applicati a livello internazionale per garantirne la comparabilità;
  • fornisce supporto e assistenza tecnica all’amministrazione scolastica, alle regioni, agli enti territoriali, e alle singole istituzioni scolastiche e formative per la realizzazione di autonome iniziative di monitoraggio, valutazione e autovalutazione;
  • svolge attività di formazione del personale docente e dirigente della scuola, connessa ai processi di valutazione e di autovalutazione delle istituzioni scolastiche;
  • svolge attività di ricerca, sia su propria iniziativa che su mandato di enti pubblici e privati;
  • assicura la partecipazione italiana a progetti di ricerca europea e internazionale in campo valutativo, rappresentando il Paese negli organismi competenti;
  • formula proposte per la piena attuazione del sistema di valutazione dei dirigenti scolastici, definisce le procedure da seguire per la loro valutazione, formula proposte per la formazione dei componenti del team di valutazione e realizza il monitoraggio sullo sviluppo e sugli esiti del sistema di valutazione.

 Contenuto delle prove

Le prove periodiche e la prova nazionale finale del primo ciclo, sono attualmente riferite all’Italiano e alla Matematica.

La correzione degli elaborati per le prove periodiche e finali avviene ad opera dei docenti della classe, fatta eccezione delle scuole campione dove le prove vengono effettuate in presenza di un osservatore esterno, il quale provvede alla correzione. I risultati sono riportati su schede-risposta e spedite all’ Istituto. Pertanto l’INVALSI fornisce alle scuole una griglia per la correzione delle risposte degli studenti e dà indicazioni per l’attribuzione di un punteggio unico in centesimi e per la sua conversione in un voto unico, espresso in decimi. L’attribuzione del punteggio e del voto può avvenire, oltre che in forma manuale, anche mediante griglia su supporto elettronico.
Per l’anno scolastico 2009/10 la prova Nazionale riferita alla fine del primo ciclo, (Esame di licenza media), è stata strutturata come segue:
Si è articolata, come da direttiva, in una sezione di Italiano e una di Matematica.

Related Articles

Check Also

Close
Close